Associazione USEI Unione di Solidarietà degli Ecuadoriani in Italia / Asociación USEI Unión de Solidaridad de los Ecuatorianos en Italia
Google Plus
Google+
 
23/12/2014 paginahome  
Bonus bebè anche alle famiglie immigrate, ma serve la carta di soggiorno
Il bonus bebè spetterà anche alle famiglie immigrate visitate dalla cicogna, ma a patto che mamma o papà abbiano in tasca un permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo, la cosiddetta carta di soggiorno.

È l'ultima versione del contributo previsto dalla nuova legge di stabilità. Quella con ogni probabilità definitiva, se si considera che il testo uscito con la fiducia dal Senato e ora all'esame della Camera è “blindato” e dovrebbe essere approvato entro domani.

Il bonus consisterà in un assegno da 80 euro al mese per tre anni dopo la nascita o l'adozione di un figlio. Riguarderà i figli di cittadini italiani, comunitari o extracomunitari titolari di un permesso “di cui all'articolo 9” del Testo Unico sull'immigrazione (d lgs 286/1998), cioè, appunto, il “Permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo”.

C'è anche un limite di reddito: potranno avere il bonus solo le famiglie con un Isee (indicatore della situazione economica equivalente) “non superiore a 25mila euro annui”. Quando però l'Isee non supererà i 7 mila euro annui, l'importo dell'assegno raddoppierà a 160 euro al mese.

L'ultima versione del bonus bebè non piace certo alla Lega Nord, che ha tentato a più riprese di riservarlo agli italiani. Ma fa cadere nel vuoto anche gli appelli di associazioni e studenti di diritto che, alla luce della normativa europea, chiedevano di estendere il contributo a tutti gli immigrati titolari di un permesso di soggiorno valido per lavorare.

Foto: www.desideratadomus.it


Fonte: Stranieriinitalia.it
 

Torna alle news della categoria "paginahome"
Torna alla pagina delle news

IN EVIDENZA


 

home page | associazione | i soci | lo statuto | eventi | edicola | visite | guestbook | blog | contattaci | foto

Sito Web di Euweb.it