Associazione USEI Unione di Solidarietà degli Ecuadoriani in Italia / Asociación USEI Unión de Solidaridad de los Ecuatorianos en Italia
Google Plus
Google+
 
10/09/2014 paginahome  
RIRVA VI: si riparte con più strumenti e più presenza territoriale
Il 1° settembre scorso è stato ufficialmente approvato dal Ministero dell'Interno il progetto "RIRVA VI".

La "Rete Italiana per il Ritorno Volontario Assistito" è l'azione di Rete che dal giugno 2009, sostiene il Ritorno Volontario Assistito con un sistema di riferimento nazionale per l’informazione e la consulenza sulla misura del Ritorno Volontario Assistito (RVA) a migranti, operatori di settore e cittadinanza.

Il progetto, finanziato dal Fondo Europeo Rimpatri e dal Ministero dell'Interno nell'ambito dell'AP 2013, è stato nuovamente aggiudicato al partenariato che ha gestito RIRVA nella scorsa annualità e che vedrà il Consorzio Nazionale Idee in Rete lavorare in qualità di capofila a fianco dei partner Consiglio Italiano per i Rifugiati-CIR, OXFAM, GEA e del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli assistenti Sociali -CNOAS, nonchè di Fondazione ISMU, in qualità di partner di sostegno.

RIRVA VI, operativo da ora fino al 30 giugno 2015, si pone in stretta continuità con il progetto da poco concluso, rinforzando l'azione di informazione, formazione e consulenza ad enti pubblici e privati, associazioni, cittadini e migranti sul tema del Rimpatrio Volontario Assistito, attraverso un articolato piano di comunicazione e una capillare rete operativa.

In attesa di definire i dettagli del progetto con l'Autorità Responsabile del Fondo Europeo Rimpatri e di darne comunicazione sul sito www.reterirva.it , la Rete RIRVA prosegue il precedente lavoro con alcune novità:

- è già operativo l'Help Desk Ritorno al numero 0492023830 ma a breve il servizio sarà collegato ad Numero Verde attivo sempre dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 16.00 per fornire supporto e consulenza a potenziali candidati di programma di RVA ed agli operatori di settore;

- verrà nuovamente attivata una rete di 14 operatori (tra i quali l'USEI Unione di Solidarietà degli Ecuadoriani in Italia) che, a livello regionale o sovraregionale, saranno animatori di altrettanti focal point (le precedenti Antenne Regionali) per il supporto e la consulenza alle oltre 300 realtà aderenti alla Rete in tutta Italia (punti informativi/PI e punti di sensibilizzazione/PS), impegnati nell'informazione diretta ai migranti;

- il sistema di in-formazione sul RVA, già sperimentato con azioni coordinate ed integrate, sarà sostenuto da un articolato piano di informazione e sensibilizzazione nazionale e regionale sul tema del RVA che affiancherà ai prodotti e agli strumenti informativi ad oggi disponibili (sito web www.reterirva.it, appunto l’Help Desk Ritorno, schede e documentazione plurilingue di presentazione della misura della rete e dei progetti di RVA attivi, FAQs, guida operatori su come informare e orientare i migranti sul RVA, protocolli operativi per aderenti Rete, siti e bibliografia sui paesi terzi), innovativi sistemi di comunicazione (pagina Facebook, app ritorno, Twitter);

- verranno organizzate sessioni informative territoriali in tutte le regioni grazie alla preziosa partnership del Consiglio Nazionale dell'Ordine degli Assistenti Sociali (da questa edizione partner effettivo), con l'obiettivo di fornire una corretta e completa informazione sul tema del RVA ad Assistenti Sociali (per i quali la formazione RIRVA risulta accreditata), alle istituzioni territoriali competenti nella gestione della RVA a livello locale (Questura e Prefettura), e a tutte le realtà del pubblico e del privato che si interfacciano con migranti;

- proseguirà il lavoro di collaborazione con le rappresentanze in Italia dei Paesi Terzi maggiormente coinvolti nel ritorno, attori strategici per la sostenibilità e la piena reintegrazione dei migranti nel loro Paese.

Queste azioni non potranno che contribuire ad accrescere la conoscenza e l'accesso alle misure di rimpatrio da parte di cittadini di paesi terzi, già aumentate nel corso degli ultimi anni (dai 228 RVA della prima annualità si è passati agli oltre 2000 previsti a giugno 2015), sia per una maggiore diffusione dello strumento, sia come conseguenza della forte crisi economica che ha colpito in particolare i lavoratori immigrati.

Fonte: La partnership Rete RIRVA
 

Torna alle news della categoria "paginahome"
Torna alla pagina delle news

IN EVIDENZA


 

home page | associazione | i soci | lo statuto | eventi | edicola | visite | guestbook | blog | contattaci | foto

Sito Web di Euweb.it